La Biblioteca dei Ragazzi

La Biblioteca dei Ragazzi – Società Cooperativa Sociale Onlus – si occupa di promozione e diffusione della lettura in tutte le sue forme con particolare riferimento al campo della narrativa per ragazzi. Lavora in regime di totale autofinanziamento, svolge attività volte alla diffusione delle case editrici specializzate diffuse sul territorio calabrese e nazionale ma scarsamente distribuite, alla promozione delle novità editoriali del settore, alla riscoperta dei classici per ragazzi e dei libri illustrati.

La Biblioteca dei Ragazzi è inoltre impegnata in collaborazioni specialistiche con scuole, biblioteche pubbliche, enti pubblici per la riqualificazione e l’aggiornamento di biblioteche scolastiche, biblioteche di quartiere.

Il festival

Raccontami un castello – nuovi percorsi di narrazione: festival di narrazione rivolto a bambini, ragazzi e adulti. Giunta alla seconda edizione, la manifestazione esplora i nuovi percorsi di narrazione orale, teatrale, narrativa e illustrativa. Come già nella prima edizione, accanto alla valorizzazione delle risorse artistiche e alle figure professionali del territorio calabrese, verrà dato spazio allo scambio con artisti e professionisti di alto rilievo culturale nel panorama nazionale: artisti, attori, performer, autori, illustratori specializzati nel campo dell’arte contemporanea dedicata a bambini e ragazzi.

Ragazze ribelli: Ipazia, Emily Dickinson, Pina Bausch nelle tavole di Pia Valentinis

Reading teatrale ed esposizione delle tavole di Pia Valentinis
per la collana Jeunesse ottopiù di RueBallu edizioni
Con: Annalisa Battaglia, Mario Berretta, Samuel Nava
e la partecipazione di Anna Calarco, Gaetano Tramontana

  • Castello Aragonese, Reggio Calabria– Domenica 17 marzo, ore 17:00 ingresso € 6,00
  • Matinée per tutte le classi della scuola secondaria di primo grado: dal 19 al 23 marzo. (1° turno ore 9:00 – 2° turno ore 11:00) Su prenotazione al 327.8824099 – mail: info@bibliotecadeiragazzi.it
  • Sabato 23 marzo, dopo la matinée, gli studenti incontreranno Beatrice Masini, autrice dei volumi dedicati a Emily Dickinson e Pina Bausch.

L’idea nasce dall’incontro con la collana dell’editore RueBallu dedicata ad una serie di figure storiche, molte delle quali illustrate da Pia Valentinis, affermata illustratrice italiana. Dal linguaggio insieme immediato e profondo dei testi scritti da Roberta Torre e Beatrice Masini, e dalla suggestione delle illustrazioni di Pia Valentinis, nasce la proposta teatrale in forma di reading con l’obiettivo di illustrare la vita e l’arte di tre figure femminili di grande rilievo: Ipazia, filosofa e astronoma vissuta ad Alessandria nel 400 d.c.; Emily Dickinson, poetessa americana (1830-1886) divenuta di culto dopo la scoperta postuma della sua produzione letteraria; Pina Bausch (1940-2009) coreografa tedesca che ha rivoluzionato la danza contemporanea e inaugurato il teatro-danza.
La performance, coordinata da Gaetano Tramontana e interpretata da tre giovani attori, rientra nel progetto “Spacciatori di storie” che caratterizza ogni edizione di Raccontami un castello.

Pia Valentinis, illustratice italiana, ha pubblicato per Rizzoli, Bompiani, Fabbri, Mondadori, Einaudi ragazzi, Topipittori, Orecchio Acerbo, Giunti, Treccani, Gakken (Giappone), Grimm Press (Taiwan), Grandir (Francia), Hélium (Francia).Suoi libri sono stati pubblicati anche in Corea, Svizzera, Portogallo, Austria, Finlandia, Grecia, Messico.
Ha esposto i suoi lavori in numerose mostre, collettive e personali. Dal 2008 insegna illustrazione editoriale al Master dell’Ars in Fabula di Macerata; conduce laboratori di arte visiva per bambini Ha vinto la XXI edizione del Premio Andersen di Genova, il maggior riconoscimento italiano dedicato ai libri per ragazzi, nella categoria Miglior illustratore.

Beatrice Masini, autrice di opere per l’infanzia e non solo, è anche una stimata traduttrice italiana. Tra i suoi lavori, la resa in italiano di alcuni dei libri della serie di Harry Potter di J. K. Rowling, per la versione pubblicata da Salani.
Il suo romanzo Bambini nel bosco (Fanucci) è stato finalista nel 2010 al Premio Strega; si tratta della prima opera per ragazzi ad aver mai concorso nella storia del premio. Con il romanzo Tentativi di botanica degli affetti (Bompiani) ha vinto il Premio Campiello nel 2013. Le sue opere sono tradotte in quindici Paesi. Tra gli altri riconoscimenti, ha ottenuto negli anni il Premio Pippi per Signore e signorine e il Premio Elsa Morante per La spada e il cuore. Ha ottenuto in cinque occasioni il Premio Andersen – Il mondo dell’infanzia, sia come autrice che come traduttrice.
Dall’autunno del 2015 è il direttore editoriale di Bompiani.
Sabato 23 marzo, nell’ambito di Raccontami un castello, presenterà il suo ultimo volume: Più forte la paura (Marsilio).

La vera storia del pifferaio di Hamelin

Adattamento originale dalla fiaba dei fratelli Grimm
diretto e interpretato da Gaetano Tramontana

Castello Aragonese, Reggio Calabria
Matinée per tutte le classi della scuola secondaria di primo grado: dal 14 al 16 marzo, ore 9:00.
Su prenotazione al 327.8824099 – mail: info@bibliotecadeiragazzi.it

La fiaba dei fratelli Grimm viene immersa nella realtà attuale, ponendo l’accento su nuovi aspetti, nuove sfumature, restituendo alla figura del Pifferaio una nuova dignità: la dignità dell’artista che fa dell’arte il senso della propria vita e che incontrando le istituzioni viene da esse sfruttato e truffato; un individuo concreto che offre il suo sapere, le sue competenze, ma che di questo vive e quindi ne reclama i diritti, troppo spesso fra istituzioni sorde e cittadini distratti.
Ma la storia del Pifferaio è anche la storia del piccolo abitante di Hamelin che a causa di un lieve handicap fisico non riesce a stare al passo coi suoi coetanei, chiudendosi in un mondo tutto suo; e proprio il suo handicap, tenendolo distante dagli altri ragazzi, lo salva e gli dà la possibilità a sua volta di salvare l’intera città e la stessa reputazione del Pifferaio.
Ed è proprio il ragazzino, diventato abbondantemente adulto, che racconta agli spettatori la storia dall’alto della sua esperienza diretta: diventato depositario dei segreti del Pifferaio, le sue parole evocheranno oggetti, immagini e atmosfere per una nuova versione di una delle fiabe più belle del mondo.

Gaetano Tramontana. Regista, attore e autore teatrale. E’ diplomato in regia alla Scuola di Specializzazione in Comunicazioni Sociali dell’Università Cattolica di Milano con tesi in Drammaturgia applicata. All’Università Cattaolica ha collaborato negli scorsi anni al Dipartimento di Comunicazione e Spettacolo.
Tra i suoi docenti: Silvio Castiglioni, Kuniaki Ida, Renata Molinari, Sisto Dalla Palma.
Autore di saggi sulla comunicazione e sul teatro pubblicati tra gli altri da Bulzoni, Mursia e sull’Enciclopedia Treccani del 900, ha scritto e curato tre monografie rispettivamente su Luchino Visconti, Roberto Benigni e Orazio Costa.
Dal 2005 è direttore artistico di SpazioTeatro Reggio Calabria. Ha all’attivo numerose regie teatrali a partire dal 1995.; tra le più recenti: Un altro metro ancora, dal testo di Katia Colica, Il vento magico, drammaturgia originale dalle fiabe calabresi raccolte da Letterio di Francia.
Dal 2010 si dedica anche al teatro ragazzi, di cui ha firmato la regia di Racconti delle stelle, Mastino e Biancaluna e Amore love Psiche, da tre anni replicato ininterrottamente e ospite di vari festival.
Nel 2017 e 2018 ha diretto il Ragazzi MedFest a Reggio Calabria e nel 2017 il Fuoricentro Festival – Periferie Creative, progetto selezionato dal bando nazionale Siae Sillumina.